Cotiakou: la testimonianza di Fabio

Mi ritrovo dopo quattro giorni dal ritorno, a dover scrivere delle riflessioni sull’esperienza vissuta nella Missione di Cotiakou e mi accorgo che non è per niente facile perché quella terra bisogna viverla, anche se per pochi giorni, per poterne conoscere la bellezza, nonostante l’Africa, il Benin, Cotiakou sono ancora prepotentemente presenti nei miei pensieri.
“Cosa avete fatto?” Questa è la domanda che più frequentemente mi è stata posta dopo il ritorno. Ciò che abbiamo fatto noi, non è stato altro che stare insieme, vivere e condividere la vita dei missionari lì presenti e della gente del villaggio; ed ecco che sorge un’espressione quasi delusa sul volto delle persone. Beh sì, perché qui da noi si è perso quasi il valore dello stare insieme con le persone, sembra difficile condividere la nostra vita con gli altri, figuriamoci se poi, ad accomunarci, c’è pure la povertà. Quindi, per venti giorni circa, siamo stati anche noi, lì, insieme a loro. Tutte le mattine, partecipavamo alla Messa nella chiesetta del villaggio e, successivamente, ci dirigevamo nei villaggi limitrofi dove i missionari tenevano la catechesi per preparare coloro che dovranno ricevere il battesimo, vivendo quasi le prime fasi di cristianizzazione del posto. Abbiamo visitato diverse realtà portate avanti da suore, preti e laici presenti in quella terra, segni visibili e concreti di incontro, fratellanza e di missione; ad esempio la scuola di Peporiyakou gestita dalle Suore Salesiane dei Sacri Cuori, frequentata da molti bambini, tra i quali diversi sordomuti. Poi l’ospedale  di Tanguietà gestito dai “Fatebenefratelli” e diretto ormai da diversi decenni da Fra’ Fiorenzo Priuli, medico di questo ospedale molto importante non solo per il Benin ma anche per le nazioni confinanti.
Questa esperienza mi ha avvicinato di più anche alla fede. In Benin il cristianesimo è presente da soli settant’anni, ma è proprio la semplicità, la gioia, la fede con cui la gente dei villaggi si avvicina a Dio, che mi ha portato a scoprire un’altra faccia della Chiesa, quella più sconosciuta, ma quella più autentica, quella che sicuramente mi piace di più.
Alla fine, stando insieme a queste persone povere, sono diventato più ricco io. Sì perché potranno pure essere prive di denaro, di vestiti e quant’altro, ma sono ricche di amore, gioia, condivisione, e molto di questo, l’hanno donato anche a me. È bello ricordare quando la gente del villaggio ci chiedeva come stavamo, e noi a loro, e loro, nonostante tutto, rispondevano sempre che andava bene. Di sicuro non dimenticherò i numerosi bambini che ci venivano sempre incontro per accompagnarci con gioia tra le capanne del villaggio, desiderosi di abbracci, di comprensione, di essere vicini a qualcuno, mano nella mano, come tutti i bambini del mondo.
Ciò che mi porto nel cuore di quella terra, sarà sicuramente l’energia e la pazienza, di don Angelo e don Leo, che hanno scelto di vivere questa realtà, lontano dalla famiglia e dall’Italia, privandosi, talvolta, di tante comodità. La forza delle donne, che sono madri e lavoratrici già da ragazze, e sicuramente la gioia dei bambini, che sono la speranza di quel villaggio.
E mi ritorna in mente la frase di P. Alex Zanotelli che mi ha accompagnato per tutto il viaggio: “Io sono le persone che ho incontrato”.

Lascia un commento