Archivio di scampia

Volontariato a Scampia

Per il secondo anno consecutivo, nell’ultima settimana di giugno, abbiamo vissuto un’esperienza di volontariato a Scampia ospiti dei Padri Gesuiti del Centro Hurtado. Ai soliti otto ragazzi quest’anno si sono aggiunte due ragazze di Bari, Novella e Fabrizia, desiderose anch’esse di vivere questa esperienza. Tra lavori manuali, animazione dei bambini, incontri e la nostra vita comune i giorni a Scampia sono passati in fretta… Le parole di una nostra ragazza possono sintetizzare meglio quanto abbiamo vissuto: “Che dire, ogni esperienza è sempre un bagaglio in più da portare a casa. Penso che questa sia stata l’esperienza più forte ed importante che abbia mai fatto da quando frequento il centro. Importante perché ci siamo messi al servizio di chi aveva bisogno di aiuto; forte perché personalmente non è stato facile assistere ad una realtà di cui se non la si vede con i propri occhi non la si può capire. Credo che abbiamo saputo sporcarci le mani. È stato bello dare una mano, regalare un sorriso e parlare con tutti coloro che abbiamo incontrato in questi giorni… ho imparato tanto. Come diciamo sempre, man mano che si cresce, si comincia a guardarsi indietro e ad oggi posso dire con un po’ di fierezza di aver fatto tale esperienza”.
Grazie di cuore a P. Sergio Sala, Aurelio, Aldo Bifulco, e Gianni Maddaloni per averci accompagnato in questi giorni.

Volontariato a Scampia

Oggi si è conclusa la settimana di volontariato a Scampia alla quale hanno partecipato in otto accompagnati da d. Nico. Un’esperienza in un luogo simbolo che ci ha dato la possibilità di toccare con mano le ferite di una terra meravigliosa ma allo stesso tempo le sue enormi potenzialità umane e l’impegno di tante persone generose che hanno deciso di non rassegnarsi al male e al degrado e di “sporcarsi le mani”. Scampia non è solo Gomorra! Un grazie enorme a P. Sergio Sala responsabile del Centro Hurtado che ci ha ospitati e ci ha permesso di vivere questa esperienza. Un saluto pieno di tanta gratitudine agli amici vecchi e nuovi che abbiamo incontrato: Giulio, Chiara, Salvatore, Cecilia, Stefano, Aldo Bifulco, P. Maurizio Patriciello, Davide Cerullo, Patrizia Mincione, Gianni Maddaloni e tanti altri di cui non conosciamo il nome. Nei nostri cuori restano i volti e i sorrisi dei tanti bambini che abbiamo incontrato con i quali abbiamo trascorso ore serene.  Abbiamo ricevuto tanto.

Scampia a colori!

Oggi siamo tornati ancora una volta a Scampia per dare una mano al nostro amico Davide Cerullo che ci ha chiesto di pitturare un muro di cemento per dare un po’ di colore all’ambiente. È stata una bella giornata che ci ha visti impegnati in questo lavoro non particolarmente faticoso ma estremamente gratificante. Lo stesso Davide ci ha detto che, anche se non sembra, abbiamo fatto una cosa importante. Abbiamo avuto anche il tempo per un breve incontro con Davide che non manca mai di darci indicazioni preziose per la nostra vita.

Week end tra Scampia e Caivano

Caivano: pronti per la manifestazione

Week end intenso quello appena trascorso per 22 di noi che, accompagnati da don Nico, sono stati a Scampia e Caivano per vivere due momenti molto forti in vista del 21 marzo giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. In realtà sia Scampia sia Caivano fanno ormai parte della nostra storia e della nostra vita perché sono ormai tante le volte in cui ci siamo recate in questi posti. A Scampia abbiamo incontrato il nostro amico Davide Cerullo che ci ha invitati ad essere alternativi, a non cedere alle mode e ad avere il coraggio di opporci a tutto ciò che rovina la nostra vita.
Poi abbiamo trascorso la serata a Caivano con i giovani della Parrocchia S. Paolo Apostolo meglio conosciuti come i “Giovani della speranza”. Siamo stati accolti da loro e dal parroco d. Maurizio Patriciello così come si accolgono amici di vecchia data. Un’accoglienza davvero formidabile! Ormai lì ci sentiamo a casa.
Questa mattina abbiamo partecipato alla marcia promossa dai Giovani della speranza per sensibilizzare ancora una volta la cittadinanza e i responsabili della cosa pubblica sul grave problema dei rifiuti tossici che avvelenano quella terra causando malattie e morti. Durante il percorso abbiamo potuto vedere con i nostri occhi i tanti rifiuti estremamente pericolosi abbandonati nelle campagne.
Continueremo sempre a sostenere la lotta di questi nostri amici, del loro parroco d. Maurizio e delle tante persone di buona volontà che si oppongono allo scempio delle ecomafie.

Scampia: incontro con Davide Cerullo