Archivio di ritiro spirituale

Ritiro di Quaresima nella Comunità Emmaus

Dopo l’ottima riuscita del ritiro di gennaio, abbiamo pensato di tornare nella Comunità Emmaus per il nostro ritiro di Quaresima. Anche oggi è stata una bella giornata di riflessione e di condivisione. Dopo la profonda riflessione propostaci da don Vito Cecere ci siamo confrontati tra noi e in seguito abbiamo partecipato alla Messa. Siamo stati invitati a pranzo durante il quale diversi di noi hanno avuto modo di familiarizzare con i ragazzi ospiti della comunità. Dopo una visita, sempre molto bella, alla fattoria ci siamo incontrati di nuovo per la condivisione finale e siamo tornati a casa con il fermo proposito di tornare ancora in comunità per il prossimo ritiro.

Ritiro spirituale nella Comunità Emmaus

Il primo ritiro spirituale del nuovo anno l’abbiamo vissuto nella Comunità Emmaus nei pressi di Foggia dove eravamo già stati tanti anni fa. Siamo stati accolti da Marino Valente, membro della comunità fin dall’inizio. Dopo le preghiere del mattino e una breve riflessione di d. Nico, Marino ci ha raccontato brevemente la storia della comunità, le sue finalità e i suoi principi. Subito dopo abbiamo ascoltato le testimonianze molto forti di Ninni e Rocco che hanno raccontato la storia della loro vita segnata dalle dipendenze e il faticoso percorso di rinascita grazie alla comunità. Alle 11:30 abbiamo partecipato alla Messa concelebrata da don Vito Cecere e don Nico. Infine, dopo il pranzo, abbiamo conosciuto la comunità soffermandoci soprattutto tra gli animali della fattoria gestita dalla comunità. La consueta condivisione ha concluso la nostra giornata di ritiro.

Ritiro spirituale in preparazione all’Avvento

Primo ritiro spirituale di questo anno sociale 2019-’20. In 23 siamo stati accolti nel convento “P. Pio Giovane” di Serracapriola dove abbiamo riflettuto sul senso dell’attesa. In un mondo che va sempre più veloce, segnato dal “mordi e fuggi” e dal “tutto e subito”, siamo chiamati a riscoprire il valore dell’attesa e del tempo per rivalutare a fondo il nostro essere uomini. Il Signore si lascia accogliere solo se sappiamo attenderlo con fiducia e pazienza non tanto nelle occasioni straordinarie quanto in quelle semplici e “feriali” della nostra esistenza.
Un grazie di cuore ai frati cappuccini che ci hanno accolto in moto particolare a Fra’ Antonio Tartaglia.

Week end di spiritualità

Per il secondo anno consecutivo, all’inizio del nuovo anno sociale, abbiamo vissuto un week end di spiritualità e di programmazione per prepararci agli impegni da portare avanti nei prossimi mesi. Quest’anno siamo stati ospiti della “Casa S. Giovanni Paolo II” a Celenza Valfortore. Arrivati nel pomeriggio di ieri abbiamo subito guardato due video che d. Nico ci ha proposto sul tema del prossimo ottobre missionario straordinario “battezzati e inviati”. Poi abbiamo celebrato la S. Messa e, dopo cena, l’adorazione eucaristica seguendo lo schema di preghiera proposto da Missio Italia per l’ottobre missionario. Oggi invece, dopo le Lodi, la mattinata è stata dedicata alla programmazione delle principali attività del nuovo anno.

Ritiro spirituale a Molfetta

Oggi il nostro ritiro spirituale mensile l’abbiamo vissuto allontanandoci un po’ dalla nostra città e dalla nostra diocesi. In 28 siamo andati a Molfetta, ospiti del seminario vescovile, dove ci ha raggiunti Padre Giovanni Ladiana, un gesuita che vive a Bari e che d. Nico aveva conosciuto lo scorso anno durante un ritiro dei sacerdoti. P. Giovanni ha iniziato la sua riflessione raccontandoci la sua vita che lo ha visto passare da ateo a sacerdote e poi ci ha parlato della bellezza del Vangelo che si concretizza soprattutto nella solidarietà, nello stare vicini agli altri, nel saper condividere le loro gioie e le loro sofferenze. Dopo aver celebrato la S. Messa abbiamo salutato P. Giovanni e abbiamo proseguito il nostro ritiro con la consueta condivisione dopo il pranzo. Siamo tornati a casa nel pomeriggio contenti per aver vissuto un’altra importante esperienza per la nostra formazione umana e cristiana.

Una particolare giornata di spiritualità

Abbiamo fatto un bel po’ di chilometri ma ne è valsa la pena. Questa mattina siamo partiti alla volta di Montefano (MC) per incontrare P. Alberto Maggi e partecipare alla celebrazione eucaristica da lui presieduta. Una celebrazione un po’ diversa, molto coinvolgente, per certi versi sorprendente. Dopo il pranzo abbiamo fatto una breve verifica scambiandoci impressioni e riflessioni. Alla fine ci siamo ripromessi di tornare ancora magari con più calma partendo dal sabato per vivere con maggiore calma e intensità il nostro ritiro spirituale.
Il nostro viaggio si è poi concluso con la visita al santuario della Madonna di Loreto.

Week end di programmazione e spiritualità

A partire da sabato 6 pomeriggio fino a domenica 7 pomeriggio siamo tornati a San Nicandro, nella casa dove abbiamo vissuto il campo scuola, per un week end di verifica, programmazione e spiritualità. Abbiamo ripreso i temi trattati durante il campo scuola e fatto il punto sugli impegni presi guardando al nuovo anno associativo-pastorale e alle prossime attività da realizzare. Un momento importante è stata l’adorazione eucaristica notturna: un’esperienza nuova per noi che abbiamo apprezzato molto. Oltre a tutto questo la grande bellezza del nostro stare insieme.

Ritiro spirituale

Questa mattina abbiamo vissuto il primo ritiro spirituale del nuovo anno presso le Suore Cenacoliste di Torremaggiore. “Che cercate?” (Gv 1,38) è stato il tema della nostra riflessione.

Ritiro di Natale

Il ritiro del mese di dicembre è ovviamente dedicato alla preparazione immediata al Natale. Oggi abbiamo vissuto il nostro momento di spiritualità nel convento di Stignano.

Ritiro spirituale

Approfittando del clima ancora mite il primo ritiro del nuovo anno sociale l’abbiamo vissuto a Marina di Chieuti. Non eravamo in tanti a causa di una serie di coincidenze sfavorevoli (festa della Madonna del Rosario, compleanni ed altro). Nonostante tutto è stata una bella giornata durante la quale abbiamo riflettuto su un brano del capitolo 33 di Ezechiele confrontandoci sulla responsabilità e il prendere a cuore al vita degli altri. Dopo il pranzo abbiamo ripreso anche alcuni temi trattati durante il campo scuola.