Per stare insieme in un modo diverso

"L’Epicentro per me è stato una vera e propria casa in cui ho stretto le amicizie più importanti e fatto le esperienze più intense della mia vita che hanno contribuito pesantemente alla mia crescita e formazione. Ringrazio Dio con tutto il cuore di avermi presentato l’opportunità di partecipare a questa realtà" (Luigi Nardella)

Visita virtuale
  • Pellegrinaggio a piedi 2016

    Pellegrinaggio a piedi 2016

  • 30 gennaio 2016 – 23° anniversario dell’Epicentro Giovanile

    30 gennaio 2016 – 23° anniversario dell’Epicentro Giovanile

  • Ottobre 2015: incontro con Alex Zappalà

    Ottobre 2015: incontro con Alex Zappalà

  • Settembre 2015: festa per l’inizio dell’anno sociale

    Settembre 2015: festa per l’inizio dell’anno sociale

  • San Nicandro – campo scuola 2015

    San Nicandro – campo scuola 2015

  • Maggio 2015: con P. Maurizio Patriciello

    Maggio 2015: con P. Maurizio Patriciello

  • Maggio 2015: un olivo per Scampia

    Maggio 2015: un olivo per Scampia

  • Siamo in missione per conto di Dio

    Siamo in missione per conto di Dio

  • Assisi: partecipazione al COMIGI 2015

    Assisi: partecipazione al COMIGI 2015

  • Celebrazione della Messa dell’Ultima Cena

    Celebrazione della Messa dell’Ultima Cena

  • 16 gennaio 2015 – incontro con don Luigi Ciotti

    16 gennaio 2015 – incontro con don Luigi Ciotti

  • Nella missione di Cotiakou in Benin

    Nella missione di Cotiakou in Benin

  • L’essenziale è invisibile agli occhi!

    L’essenziale è invisibile agli occhi!

  • Alessano: pellegrinaggio sulla tomba di don Tonino Bello

    Alessano: pellegrinaggio sulla tomba di don Tonino Bello

  • Giugno 2014: animazione dei bambini di Scampia

    Giugno 2014: animazione dei bambini di Scampia

Il cosiddetto campo scuola

DSC_3181Si è appena concluso il nostro 22° campo scuola che, come sempre, per me e i ragazzi, ha rappresentato un’esperienza straordinaria di vita comune, di crescita umana e spirituale. Non siamo certamente i soli a vivere questo tipo di esperienza estiva: tante parrocchie organizzano uno o anche più campi scuola ma ricordo che qualche tempo fa qualcuno mi disse con tono sarcastico: “Voi che fate i cosiddetti campi scuola”… L’intento era quello di sminuire questa attività considerandola non un momento formativo ed educativo per i giovani ma una semplice vacanza o poco più. Che dire? Evidentemente la persona di cui sto parlando non ha molto a che fare con i giovani e la loro formazione. Non è mia intenzione, in questo articolo, parlare del valore del campo scuola. Preferisco, come amo fare sempre, partire dall’esperienza. Anzitutto molti ragazzi e ragazze, per partecipare al campo, rinunciano a una parte delle loro vacanze insieme alle rispettive famiglie cosa alquanto strana tenendo presente che, almeno con noi, dovranno rimboccarsi le maniche anche per cucinare, lavare i piatti, pulire la casa e partecipare ai vari momenti formativi. Altro che vacanza! Certo non mancano i momenti ricreativi ma le vacanze sono un’altra cosa.

Michele e Silvio sono due giovani di 28 e 29 anni, tutti e due lavorano. Michele si preso una settimana di ferie per venire al campo scuola e il suo compito principale, oltre a quello di educatore, è quello di cucinare per i ragazzi. Silvio ha rinunciato ad andare alla GMG di Cracovia per essere presente al campo come educatore. Quando gli ho chiesto come mai avesse rinunciato alla GMG mi ha risposto: “Viene prima la famiglia, poi il resto”. Sono rimasto senza parole.

Detto questo credo non ci sia molto altro da aggiungere per spiegare cos’è per noi il “cosiddetto” campo scuola.

Giovanni e Alessandra sposi

IMG_3125E così ieri anche Giovanni e Alessandra si sono sposati. Altri due giovani dell’Epicentro che hanno puntato la loro vita sull’amore e sul “per sempre”. Giovanni frequenta il centro da oltre 14 anni ed ha vissuto con noi tantissime esperienze tra cui quella dell’Africa. Anche Alessandra, crocerossina e infermiera, ha condiviso con noi parte del suo cammino. Insieme hanno dedicato diverso tempo della loro vita al volontariato in diverse missioni del Kenya e del Benin. Ora che sono marito e moglie sono certo che vivranno il loro impegno con ancora più forza ed entusiasmo!

IMG_3123

Don Mazzi: «Io prete, e l’amore per i miei ragazzi» – Famiglia Cristiana

Sorgente: Don Mazzi: «Io prete, e l’amore per i miei ragazzi» – Famiglia Cristiana

Udienza del Papa

DSC_0726Eravamo in 56 ieri in Piazza S. Pietro all’udienza generale del Papa che ha commentato il brano della guarigione del cieco di Gerico. Un’esperienza straordinaria che ha dato tanto entusiasmo a tutti. La sorpresa più bella sono state le parole che il Santo Padre ha rivolto in particolare a noi e ad un altro gruppo di giovani: “Cari giovani, specialmente voi ragazzi dell’Epicentro Giovanile di San Severo e quelli dell’Istituto Penale di Airola, il Signore sia il vostro Maestro interiore che vi guida costantemente sulle vie del bene”.
Ci sforzeremo di far tesoro di queste parole che il Papa ci ha rivolto per proseguire nel nostro cammino di crescita umana e cristiana.
Dopo l’udienza abbiamo visitato a piedi il centro di Roma. Alla fine eravamo stanchissimi ma contenti!

DSC_0649

Terzo incontro regionale di Missio Giovani

DSC_0027Si è tenuto ad Ostuni, presso la “Villa della Speranza”, il terzo ed ultimo incontro formativo di Missio Giovani Puglia. Siamo stati presenti a tutti gli incontri con un numero consistente di partecipanti ed anche a quest’ultimo il nostro gruppo è stato il più numeroso (22 ragazzi) ed anche il più… Vivace! Ancora una volta, aiutati dalle parole di d. Marco Candeloro, ci siamo fermati a riflettere sulla figura dell’Apostolo Tommaso. Poi abbiamo ascoltato la testimonianza del nostro Mauro seguita dalla celebrazione della Messa presieduta da d. Nico. Nel pomeriggio, poi, i lavori di gruppo e la condivisione finale. Missio Giovani Puglia è davvero una gran bella realtà: nel prossimo anno pastorale noi ci saremo!

DSC_0172

Torneo ANSPI 2016

Ecco le nostre squadre partecipanti al torneo ANSPI

Preadolescenti

Preadolescenti

Maturi

Maturi

Adolescenti

Adolescenti

Nuova visita a Scampia

DSC_2617Il nostro legame con Scampia e con Davide Cerullo continua ad essere molto stretto. Eravamo in 22 oggi per questa nuova visita e per molti di noi si trattava della prima volta. Siamo andati lì per dare una mano a Davide che sta allestendo un nuovo centro, “L’albero dei sogni”, per svolgere attività con i bambini di Scampia. Ma il momento più bello è stato l’incontro con Davide che ci ha parlato della sua esperienza di vita ma soprattutto ci ha invitati a saper cogliere le opportunità che l’Epicentro ci offre, a saper stare insieme, a fidarsi di chi ci vuol bene, a fare attenzione ai falsi amici, a impegnarci per i valori e a saper prendere decisioni che vadano anche contro le scelte della massa…
Faremo di tutto per continuare ad impegnarci facendo tesoro di quanto abbiamo ascoltato e dell’esperienza che abbiamo vissuto.

Pellegrinaggio a piedi e giubileo dell’Epicentro

DSC_5675Si è concluso oggi con la celebrazione della S. Messa nel Santuario di Maria SS. del Soccorso il nostro pellegrinaggio a piedi. Quest’anno eravamo in 40: un numero davvero considerevole! Siamo partiti da Torremaggiore alla volta di S. Paolo di Civitate dove abbiamo trascorso la notte ospiti della Parrocchia S. Giovanni Battista che ci ha riservato una calorosa accoglienza. Questa mattina abbiamo ripreso il cammino diretti a San Severo. Durante il tragitto abbiamo riflettutto su alcuni brani della “Misericordiae Vultus” e sulle parabole della misericordia nel Vangelo di Luca. Il pellegrinaggio di quest’anno ci ha permesso di vivere anche il Giubileo visto che il Santuario del Soccorso è anche chiesa giubilare. Quasi tutti i ragazzi si sono accostati al Sacramento della Riconciliazione e al termine della Messa abbiamo pregato secondo le intenzioni del Papa. Il tempo incerto alla partenza non ci ha scoraggiati e siamo arrivati alla nostra meta… Stanchi ma felici!

DSC_5780

Non muri ma ponti

DSC_5657Come ogni mese, oggi ci siamo recati a Casa Sankara per celebrare la S. Messa con i (pochi) cristiani che vi abitano. Il nostro vuole essere un segno di vicinanza semplice ma sentito. Siamo sempre stati accolti con gioia ed entusiasmo dagli abitanti della Casa che, in più di una occasione, hanno manifestato il loro apprezzamento e la loro gioia per la nostra presenza.
Ed intanto, senza chissà quali grandi iniziative, i ragazzi imparano a costruire non muri ma ponti.

Celebrazione delle Cresime

DSC_5620