Per stare insieme in un modo diverso

"L’Epicentro per me è stato una vera e propria casa in cui ho stretto le amicizie più importanti e fatto le esperienze più intense della mia vita che hanno contribuito pesantemente alla mia crescita e formazione. Ringrazio Dio con tutto il cuore di avermi presentato l’opportunità di partecipare a questa realtà" (Luigi Nardella)

Visita virtuale
  • L’essenziale è invisibile agli occhi!

    L’essenziale è invisibile agli occhi!

  • 11 giugno 2017: a Caivano con d. Maurizio Patriciello

    11 giugno 2017: a Caivano con d. Maurizio Patriciello

  • 30 maggio 2017: con Mons. Giovanni Checchinato

    30 maggio 2017: con Mons. Giovanni Checchinato

  • A Caivano con “I Giovani della Speranza”

    A Caivano con “I Giovani della Speranza”

  • 28 maggio 2017: terzo meeting di Missio Giovani Puglia a Molfetta

    28 maggio 2017: terzo meeting di Missio Giovani Puglia a Molfetta

  • 8 maggio 2017: a Scampia con Erri De Luca

    8 maggio 2017: a Scampia con Erri De Luca

  • 9 maggio 2017: incontro con P. Giulio Albanese

    9 maggio 2017: incontro con P. Giulio Albanese

  • Ingresso in diocesi di Mons. Giovanni Checchinato

    Ingresso in diocesi di Mons. Giovanni Checchinato

  • 24-25 aprile 2017: pellegrinaggio a piedi

    24-25 aprile 2017: pellegrinaggio a piedi

  • Ordinazione episcopale di Mons. Giovanni Checchinato

    Ordinazione episcopale di Mons. Giovanni Checchinato

  • Celebrazione della Messa dell’Ultima Cena

    Celebrazione della Messa dell’Ultima Cena

  • Dicembre 2016: nella missione di Cotiakou in Benin

    Dicembre 2016: nella missione di Cotiakou in Benin

  • 28 gennaio 2017 – 24° anniversario dell’Epicentro Giovanile

    28 gennaio 2017 – 24° anniversario dell’Epicentro Giovanile

  • San Nicandro – campo scuola 2016

    San Nicandro – campo scuola 2016

  • Siamo in missione per conto di Dio

    Siamo in missione per conto di Dio

  • 16 gennaio 2015 – incontro con don Luigi Ciotti

    16 gennaio 2015 – incontro con don Luigi Ciotti

  • Nella missione di Cotiakou in Benin

    Nella missione di Cotiakou in Benin

  • Alessano: pellegrinaggio sulla tomba di don Tonino Bello

    Alessano: pellegrinaggio sulla tomba di don Tonino Bello

  • Giugno 2014: animazione dei bambini di Scampia

    Giugno 2014: animazione dei bambini di Scampia

Altri due matrimoni

Altri due matrimoni in casa Epicentro! Lo scorso 5 agosto nella parrocchia Maria SS. Immacolata si sono sposati Sara Debellis e Luca Lioce mentre ieri, 7 agosto, nella parrocchia della Sacra Famiglia è stata la volta di Luigi Nardella e Annalisa Santoro. Sara ha iniziato a frequentare il centro quando aveva 16 anni e, nel tempo, è diventata una figura importante ed un punto di riferimento per le “nuove leve”. Luca, quando è arrivato nella vita di Sara, non ha avuto difficoltà a diventare uno dei nostri.
Luigi, contravvenendo alle nostre regole, iniziò a frequentare quando aveva solo 12 anni. Il suo è stato un percorso straordinario ed anche lui è diventato un punto di riferimento per le nuove generazioni. Annalisa, da quando si fidanzò con Luigi (e quindi da ben 10 anni), è diventata anche lei parte della nostra comunità compiendo insieme a Luigi un meraviglioso cammino e dando il suo contributo concreto alla nostra realtà.

Sara e Luigi nel 2005

Anche d’estate…

Dopo il campo scuola le attività del centro sono, come è ovvio, ridotte ma non del tutto ferme. Oggi, per esempio, un gruppo di giovani dell’Epicentro, in collaborazione con l’associazione “La Casa dei Sogni”, ha partecipato all’animazione dei mercoledì di agosto con gli anziani. Alle 19,30 un altro gruppo di ragazzi ha partecipato alla grigliata organizzata da don Andrea Pupilla nel cortile del passeggio della casa di reclusione. Contenti i nonni, contenti i detenuti, contenti i ragazzi… Contenti tutti!

Che meraviglia!

Ventitreesimo campo scuola

Oggi si è concluso il nostro 23° campo scuola che quest’anno si è tenuto a “Casa Estia” nei pressi di Castelgrande (PZ).
“Una via migliore di tutte” è stato il tema che abbiamo affrontato durante i nostri incontri. Ogni volta che devo parlare di questa esperienza annuale ho sempre il timore di essere retorico e ripetitivo. Per questa ragione ho pensato di riportare alcuni pensieri dei ragazzi. Credo sia il modo migliore per condividere con chi legge l’esperienza che abbiamo vissuto.

Caro Nico,
dopo questa esperienza sentiamo il bisogno di diriti alcune cose. Grazie per la pazienza che hai con noi, per darci la possibilità di fare esperienze che ci cambiano radicalmente la vita. Grazie a te abbiamo conosciuto delle persone che sono diventate fondamentali nella nostra vita. Grazie per l’amore incondizionato. Scusa per i nostri atteggiamenti immaturi, maleducati o irrispettosi, perché nonostante ciò noi ti vogliamo davvero troppo bene e possiamo dire che ci hai salvato la vita. Sappiamo che delle volte senti di non fare abbastanza per noi ma sappi che non è così perché sappiamo che daresti anche la vita per noi. Speriamo di essere terreno buono per tutto ciò che stai seminando credendo in noi.
Ti vogliamo bene.
I tuoi ragazzi.

E anche quest’anno il campo scuola è finito ed ora, come al solito, tornare alla vita quotidiana sarà difficile perché noi tutti non avremo più occasioni in cui stare insieme tutto il giorno e confrontarci tra noi.
Per me questo campo scuola è stato più bello di quello dello scorso anno anche perché, con tutto quello che è successo, abbiamo imparato ad amarci di più e ad essere uniti.
Un grazie a te d. Nico per le esperienze che ci fai vivere anche se non partecipo a tutte. Quando però le racconti ci fai sentire come se lì con te ci fossimo stati tutti. Mi scuso anche con tutti voi perché non sono riuscita a parlare con la maggior parte di voi ma non sono molto brava con le parole e poi non riesco a fidarmi subito di chi ho vicino.
Voglio ringraziare le mie amiche più strette perché proprio grazie a loro sono riuscita a parlare di cose che non credevo di riuscire a dire mai a qualcuno. Michele, grazie per averci fatto ridere in questi giorni.
Anche se è una frase detta e ridetta noi siamo davvero una famiglia, non la seconda ma la prima e forse la più bella che ci possa essere.

Matrimonio di Denise e Davide

Ieri è stata la volta di Denise Prencipe e Davide Trivento che, nella parrocchia Maria SS. della Libera, hanno detto il loro “sì” unendosi in matrimonio. Due cose voglio sottolineare di questo matrimonio che mi hanno dato una grande gioia: la presenza del nostro vescovo che, prima della celebrazione, ha voluto salutare gli sposi e poi la scelta di Denise e Davide di destinare all’Epicentro la somma prevista per le bomboniere per aiutare i ragazzi che parteciperanno al prossimo viaggio in Africa. Da parte mia e di tutti i ragazzi un grazie enorme per questo segno di grande sensibilità e di amore verso l’Epicentro.

Matrimonio di Leo e Federica

Altri due giovani dell’Epicentro sono convolati a nozze! Lo scorso 19 giugno è stata la volta di Leo Pertosa e Federica Giagnorio: bellissimi e felicissimi durante la celebrazione e la festa che è seguita. Val la pena sottolineare che Zio Leo (così è chiamato dai ragazzi del centro) frequenta l’Epicentro da circa venti anni. Buona vita, ragazzi!

Na commedia ‘e tre atte

Anche quest’anno alcuni giovani dell’Epicentro si sono cimentati nell’attività teatrale. Guidati dall’ormai esperto Michele De Sinno, ieri sera nella sala teatro della Parrocchia Sacra Famiglia, hanno messo in scena la commedia di Eduardo Scarpetta “Na commedia ‘e tre atte”. Fatta eccezione per Michele e per il “navigato” e sempre bravo Giuseppe Verrillo, i ragazzi e le ragazze impegnati nella commedia erano tutti alla prima esperienza di recitazione; nonostante questo sono stati davvero molto bravi riscuotendo molti applausi dal pubblico presente. E tra il pubblico c’era anche il nostro vescovo. Sì è trattenuto per un solo atto ma anche lui ha espresso apprezzamento per lo spettacolo e la bravura dei ragazzi che, come ho avuto modo di dirgli, hanno fatto tutto da soli. Al prossimo anno!

Festival della terra buona

Come previsto già dal 14 maggio scorso, il 10 giugno siamo tornati a Caivano per partecipare al “Festival della terra buona” organizzato dai Giovani della speranza. Incontrare nuovamente P. Maurizio e i nostri amici è stata una grande gioia. Dopo la scoperta che anche qui, nel foggiano, sono state interrate tonnellate di rifiuti tossici ci siamo sentiti ancora più uniti ai nostri amici di Caivano non solo per le comuni ferite della nostra terra ma anche e soprattutto per il desiderio di riscatto.
Dopo aver partecipato alla Messa abbiamo vissuto una serata serena, in allegria, tra musica, balli, scenette e ottimi panini. Ora aspettiamo che i nostri amici ci restituiscano la visita cosa che probabilmente avverrà a settembre.

Beati i secondi perché saranno primi (prima o poi…)

Anche quest’anno abbiamo partecipato con due squadre (maturi e adolescenti) alla festa regionale dello sport organzizzata a Bari dall’ANSPI. Anche quest’anno, come in altre occasioni, ci siamo classificati secondi con entrambe le squadre. Gli adolescenti hanno giocato solo in 7 senza alcuna possibilità di effettuare cambi durante le partite ed hanno dato davvero tutto. Aver raggiunto il secondo posto è davvero una grande soddisfazione. Finale tutta sanseverese per i maturi che hanno affrontato la squadra della parrocchia S. Giuseppe Artigiano. Anche per loro poche possibilità di avvicendamento ma alla fine siamo contenti che abbia vinto una squadra della nostra città. Al di là di tutto ha vinto lo sport perché è stata davvero una bella competizione che ha riaffermato il valore educativo dello sport.

Celebrazione delle Cresime

Grande gioia questa sera per il sacramento della Confermazione ricevuto da sei nostri ragazzi, grande gioia per la prima Eucaristia presieduta dal nostro vescovo don Gianni il quale, dopo la celebraizione si è intrattenuto un po’ con noi per un piccolo momento di festa. Tanta semplicità, tanta gioia!