Archivio di settembre 2015

Un calcio al caporalato e allo sfruttamento

DSC_1433Oggi pomeriggio abbiamo partecipato alla prima edizione della coppa per la lotta al caporalato e allo sfruttamento tenutasi a Casa Sankara. Oltre alla nostra erano presenti le squadre di Casa Sankara, del Ghetto di Rignano e di Africa United di Foggia. La coppa è andata alla squadra del Ghetto che ci ha battuti ai rigori… E siamo stati contenti che sia andata così. Siamo felici di aver partecipato a questa manifestazione dando un piccolo segno di solidarietà a tutti coloro che sono vittime dello sfruttamento.

Festa di inizio del nuovo anno sociale

DSC_1184

 

Si ricomincia!

San Nicandro - campo scuola 2015

San Nicandro – campo scuola 2015

Anche se l’Epicentro in realtà non ha mai chiuso, con la fine delle vacanze estive, piano piano riprendono tutte le attività. L’estate sta finendo, Mauro è tornato e noi siamo pronti per ripartire alla grande! Vorremmo farlo tornando indietro con la nostra mente all’esperienza del campo scuola riportando qui alcuni pensieri, riflessioni e preghiere che poi potrete ritrovare nella pagina Pensieri e riflessioni del nostro sito.

Buonasera.
Voglio scrivervi queste poche righe per esprimere la mia gioia per aver trascorso con voi questa settimana così intensa e speciale in cui ho dedicato tempo a me e agli altri, ho scoperto qual è la parte migliore di me e ho scoperto che ognuno di voi è speciale. Grazie per avermi aiutato ad affrontare questi giorni con coraggio e senza vergogna perché per la prima volta mi sono sentito in famiglia con persone diverse. Se in una cosa il campo scuola è riuscito di più è stata quella di poter conoscere persone con cui mi sono confidato e con cui ho scherzato, con cui ho passato momenti in cui prevalevano le emozioni, in altre il sorriso, in altre l’amore.

Grazie Michele per esserti preso cura di noi e per aver dedicato del tempo per cucinare ma soprattutto per parlarci da fratello. Grazie Nico: a te dobbiamo soporattutto la riuscita del campo scuola nell’affrontare i vari problemi che la vita ci presenta con pazienza e istinto paterno. Grazie a Tutti. Vi voglio bene.


Gesù, io ti sento vicino a me, vorrei pregare insieme a te.
Prego per me stesso, prego per coloro che non si sentono bene con loro stessi, prego per la fine dell’odio nel mondo, prego per i buoni di cuore, per i miei amici e soprattutto per i nemici, prego per coloro che mi hanno fatto del male ma anche per tutti quelli che mi fanno del bene.
So che tu esisit, mi sono sentito toccato e avvolto da te.
Non so ancora cosa stai cercando da me, ma mi impegnerò al massimo per scoprirlo.
Proteggi il mondo da tutti i mali, aiuta le persone tristi, sole e deluse dagli altri.
Ti amerò per sempre, mio Signore, confido in te che sei buono e misericordioso.
Pergo per tutti, nessuno escluso.


Ciao.
Vi scrivo questa lettera solo per dirvi che questo campo scuola è stato davvero speciale per me. Finalmente ho parlato di un problema che mi portavo dentro da 3 anni trovando il coraggio di parlarne con voi. Sono stati giorni pieni di gioia, compassione e divertimento. Vedere molte persone che si avvicinano a te solo per abbracciarti perché capiscono che hai bisogno di una spalla su cui piangere, non ha prezzo!
Per me siete una seconda famiglia, vi voglio un mondo di bene (nessuno escluso).


Ciò che posso fare è scrivere una preghiera per voi…
Prego per Giuseppe: spero conserverai sempre la tua allegria nella vita.
Prego per Stabi: sfrutta ogni opportunità bella della vita.
Prego per Antonio: spero riuscirai a scoprire te stesso come hai fatto con me.
Prego per Mariachiara: piccola, abbi sempre il coraggio di affrontare le tue scelte; io ci sarò.
Prego per Giulia: sii sicura di te, ciccia, perché credimi nessuno ha la tua forza in questa vita. Sei fantastica!
Prego per Tilse: amica mia… Sei parte di me. Abbi sempre fiducia in me, nel nostro cammino e non te ne pentirai.
Prego per Danila: guardati dai tuoi nemici. Stai attenta, tesoro.
Prego per Erika: sorridi, vivi, cambia il mondo. Sei in gamba e meriti l’affetto delle persone che ti amano davvero.
Prego per Emanuele: ti ho conosciuto troppo poco… Non aver paura di essere te stesso.
Prego per Paolo: resta sempre cucciolo! 🙂
Prego per Tufy: grazie, perché ho ritrovato me stessa in te.
Prego per Zacchi: sei speciale, Ale! Molti ragazzi dovrebbero essere come te.
Prego per Egidio: grazie per esserti rivelato, come molti, ciò che non pensavo.
Prego per Fabio: sei unico, pensa anche un po’ a te stesso e non solo agli altri.
Prego per Cupy: parla con i tuoi amici… Sapranno ascoltarti.
Prego per Seba: ti auguro il meglio, amico. Conta su di me.
Prego per Rino: non serve a molto indosare una maschera, credimi.
Pergo per Felice: spero troverai la strada giusta per te.
Prego per Michelone: ti voglio bene… E tu?
Prego per Ernesto: grazie per la tua premura, “opocchio”. 🙂
Prego per Sara e Luca: grazie per la disponibilità!
Prego per Michele: sei stato il fratello che non ho mai avuto.
Prego per d. Nico: mi hai cambiato la vita in questi due anni e continuerai a farlo. Grazie per queste mille opportunità.
La vita non è il campo scuola e il campo scuola non è la vita. È l’inizio e la fine di un cammino… Ma sarete sempre nel mio cuore. Ci vediamo all’Epicentro.

Bentornato Mauro!

DSC_2918Tutto l’Epicentro dà il suo bentornato a Mauro dopo i due anni trascorsi nella missione di Cotiakou. Mauro per noi era una ricchezza già prima di partire, lo sarà ancora di più ora che è tornato con il suo straordinario bagaglio di esperienza umana e spirituale.